08/01/2011  al 29/01/2011

Giuliano Mammoli. Lezioni di volo

A cura di: Loredana Rea

Giuliano Mammoli.  Lezioni di volo Per questa esposizione Giuliano Mammoli presenta una installazione di grande suggestione: grandi bozzoli luminosi sono stati disposti nello spazio della galleria, a custodire la fragilità di nuove esistenze, che una volta liberate dalla loro sottile corazza dovranno confrontarsi con le difficoltà della quotidianità.
PROPOSTE  2011
8 – 28 gennaio
 
 
LEZIONI DI VOLO
Riflessioni tra etica ed estetica
 
Tutta l’arte è una rivolta contro il destino dell’uomo
André Malraux
 
Quella che Giuliano Mammoli ha progettato per questa nuova occasione espositiva è un’istallazione configurata intorno ad un calibrato minimalismo, apparentemente lontana dalle problematiche affrontate in precedenza. A un primo sguardo sembra che l’artista abbia voluto sfiorare con inaspettata levità la complessità dell’esistenza e creare un’atmosfera di metafisica sospensione, in cui enigmatiche forme primarie evocano l’infinito fluire della vita. I bozzoli sono metafora di accadimenti futuri, di energie in fieri, di possibilità inespresse, racchiuse in una sottile corazza che li protegge dal mondo, avulsi dalla quotidianità ed estranei a tutto ciò che succede intorno.
Eppure l’intento non è questo. Ancora una volta, come del resto in ogni circostanza nel corso di questi ultimi anni l’obiettivo è sollecitare una diversa attenzione alla realtà per coglierne il senso, superando l’effimera e fuorviante articolazione dell’apparenza.
Da oltre un decennio, infatti, la ricerca di Mammoli si è indirizzata sulla necessità di intendere l’arte come il luogo dell’incontro tra etica ed estetica. Tanto che le tematiche affrontate si sono composte, scomposte e ricomposte a formare un tracciato netto, preciso, mai casuale, capace di esprimere la convinzione che l’arte è una pratica in grado di cambiare il modo di pensare, ponendo l’accento sulla necessità di vivere una vita più consapevole, sia pure nella sua assoluta problematicità, e di lasciare emergere la densità di senso sottesa a ogni azione. L’assunto di partenza è l’esigenza di esplorare la condizione umana in una società sempre meno attenta ai bisogni profondi dell’individuo, per esprimere l’urgenza di stare dentro la vita, e affrontare le incongruenze che l’attraversano. Mentre il punto di arrivo è la convinzione che attraverso l’arte si può comprendere ciò che appare inesplicabile, sanare le contraddizioni che attraversano la realtà e creare sempre nuove opportunità di confrontarsi ad essa.
L’arte, quindi, è intesa come impegno nei confronti del mondo e lucida presa di coscienza sui modi di trasformarlo, sia pure con gli strumenti che le sono più congeniali. È possibilità di un rapporto diverso con la collettività, per riscoprire il doveroso rispetto dell’altro e ritrovare la capacità di affermare l’importanza di un’integrità imprescindibile. È necessità di combattere contro un sistema che sempre più spesso agisce in senso contrario ai valori che dovrebbe promuovere e opportunità di difendere la libertà di scelta e di azione rispetto alle regole imposte da un organismo sociale che trascura le reali esigenze degli esseri viventi.
Da queste riflessioni nasce il nuovo lavoro di Giuliano Mammoli, ulteriore tentativo per comprendere le ragioni dello scollamento tra l’individuo e la società, costruito come d’abitudine mescolando suggestioni diverse, captate attraverso uno sguardo sempre attento a metterne a fuoco le potenzialità e svelarne la natura, elaborandole poi con l’intelligenza che lo contraddistingue.
A colpire è la sua capacità di partire dalla vita di ogni giorno, per creare una partitura in cui ordinario e straordinario si rapportano dialetticamente, lasciando emergere la sottile poesia che li pervade, quella stessa che sostanzia il farsi silenzioso delle piccole cose.
L’ambiente sembra pulsare di vita propria, nonostante la ricercata rarefazione e l’assenza totale di accadimenti. È come se lo pervadesse la certezza che qualcosa dovrà avvenire, come se si percepisse la forza dell’energia pronta a sprigionarsi, per deflagrare con violenza o propagarsi secondo un ritmo suo proprio. L’artista ha ideato un'elementare eppure potente messa in scena della nudità della condizione umana, svelata a un pubblico capace di avvertirne l’importanza e innestarvi la propria esperienza, che va ad arricchire quella originaria e proietta la realtà verso nuovi orizzonti, in cui la componente emozionale è il punto di contatto. I grandi bozzoli luminosi custodiscono la fragilità di nuove esistenze, che una volta liberate dalla protezione del loro involucro leggero e al tempo stesso tenace, limite provvisorio che separa dalla molteplicità aggressiva dell’esterno, dovranno confrontarsi con le difficoltà della quotidianità. Hanno bisogno di suggerimenti per imparare a vivere e, soprattutto, per comprendere gli errori commessi da altri ed evitare di ripeterli. Necessitano di lezioni di volo, per conquistare la consapevolezza di sé e l’opportunità di costruire un mondo migliore, attento ai bisogni profondi degli uomini e non solo all’esercizio del potere.
 
Loredana Rea

Categorie



  • Via e. bombelli, 22 - 00149 Roma
         065578101