15/03/2011  al 01/04/2011

Elettra Cipriani. Contaminazioni di terra e fuoco

A cura di: Loredana Rea

Elettra Cipriani.  Contaminazioni di terra e fuoco Per questa esposizione Elettra Cipriani presenta una serie di lavori in ceramica realizzati specificatamente. Sono piatti di dimensioni differenti, si parte dal diametro di circa 1 metro e si arriva a quello di pochi centimetri, per creare un’istallazione di grande fascino, in cui oggetti che quotidianamente contrappuntano lo svolgimento della vita di ognuno, si mostrano al pubblico con una luce diversa.
Contaminazioni di terra e fuoco
… di acqua e aria
di Loredana Rea
 
Le infinite variazioni cromatiche che la terra impastata con l’acqua assume quando si combina con l’aria e il fuoco continuano a offrire a Elettra Cipriani la possibilità di indagare territori differenti, sottesi tra arte e artigianato, in cui gli stimoli si accordano, si intersecano, si intrecciano e legano gli uni agli altri per connotare in maniera coerente esperienze operative maturate con tempi e modi diversi, nell’intento di costruire un serrato dialogo tra tecnica e urgenza espressiva. La ceramica, infatti, rappresenta il motivo che fin da principio ha guidato la sua ricerca creativa, soggiogata dal fascino di una sostanza duttile, eppure difficile da manipolare, che racchiude in sé memorie primordiali e, soprattutto, il segreto della contaminazione tra i quattro elementi originari.
L’argilla non è solo lo strumento privilegiato di lavoro, quanto piuttosto materia di elezione, con cui plasmare forme raffinate nella loro essenziale elementarità, senza mai lasciarsi andare alla felicità manuale del fare. L’obiettivo è cercare ogni volta l’equilibrio tra il rispetto della natura del materiale prescelto e la necessità di assecondare una precisa progettualità, per trovare la misura tra qualità espressive e volontà di espressione.
L’utilizzo della ceramica si concretizza quindi con una manualità sempre controllata, con una costante ponderazione della mescolanza tra terre, acqua e ossidi, con una continua attenzione ai processi di cottura, con il rispetto di ritmi millenari, sia pure declinati con una tensione insopprimibile alla continua sperimentazione, per creare oggetti d’uso che manifestano un’inaspettata vocazione scultorea. Sono manufatti che sviluppano con intelligenza il rapporto complesso tra tradizione e contemporaneità e si relazionano dialetticamente con lo spazio, che esalta la studiata plasticità delle forme e ogni piccola asperità, e con la luce, che accarezzando le superfici infiamma le cromie. Questo le permette di rifuggire ogni effetto decorativo fine a se stesso, tentazione forte per chi come lei padroneggia i principi di una tecnica antica, e di conferire ai suoi lavori uno status ambiguo, che nulla toglie alla loro bellezza, dimostrando anzi come talvolta il confine che separa l’arte dall’artigianato sia una linea tanto sottile da annullarsi nell’assolutezza della forza creativa.
Per questa esposizione Cipriani presenta una serie di lavori realizzati specificatamente, in ceramica ingobbiata, con interventi di materiali eterogenei: ferro, leghe, rame, vetro, sabbia, smalti modificati, in cui la casualità offre infinite deroghe alla puntualità del metodo. Sono piatti di dimensioni differenti, si parte dal diametro di circa un metro e si arriva a quello di pochi centimetri, per costruire un’istallazione di grande fascino, in cui oggetti che quotidianamente contrappuntano lo svolgimento della vita di ognuno, si mostrano al pubblico in una luce diversa: sono, infatti, la prova tangibile di una grande perizia, di un saper fare conquistato con sapienza e pazienza e al tempo stesso della volontà di andare oltre. Tradiscono una fisicità forte e contemporaneamente discreta, mai assertiva, che non si esaurisce nella forma d’uso, anzi parte da essa per suggerire la necessità di sconfinare, per scoprire emozioni e sensazioni al di là della materia che li incarna e che pure racchiude in sé un’energia pronta a straripare, invadendo incontenibile lo spazio circostante.
Sui piatti, moduli minimali che creano studiate combinazioni di misure, di colori, di sequenze, si materializza, infatti, una volontà affabulatoria, che nel piacere del lavoro artigianale esprime la continuità di un percorso di ricerca giocato tutto intorno alla necessità di dare forma al proprio sentire. Un sentire che nel silenzio di una domestica e accogliente fucina, qual è lo studio della ceramista, con il forno, i grandi tavoli da lavoro, i vasi di campionature cromatiche, ha trovato la consapevolezza di sé in un’operatività che ha il sapore di una pratica alchemica.
A intrigare è proprio il quotidiano rinnovarsi di una sfida alla contaminazione sempre sorprendente di terra e fuoco, di acqua e aria e alla possibilità di controllare, lasciando un piccolo spiraglio all’intervento del caso, i processi che intervengono tra i quattro elementi essenziali e gli altri materiali, scelti per innescare reazioni chimiche sempre diverse e commistioni difformi, che contribuiscono in maniera determinante all’intensità dell’effetto finale.
 

Categorie



  • Via e. bombelli, 22 - 00149 Roma
         065578101